Vai al contenuto della pagina
PROGRAMMAZIONE REGIONALE DELLA SARDEGNA

IL POR FESR e lo sviluppo sostenibile a Bruxelles

Il POR FESR Sardegna e il suo contributo agli obiettivi di sviluppo sostenibile sono stati presentati alla Settimana Europea delle Regioni e delle Città (EURegionsWeek), la manifestazione annuale organizzata dalla Commissione europea e dal Comitato delle Regioni a Bruxelles, che costituisce il più importante evento dedicato allo sviluppo regionale in Europa.

La Regione Sardegna ha partecipato su invito della Commissione europea al workshop "In che modo i fondi della Politica di Coesione della UE hanno contribuito all'attuazione delle politiche ambientali e a costruire un'Europa più verde" organizzato e moderato dalla Direzione Generale Ambiente (DG ENV) della Commissione.

Il workshop è stato un'occasione per fare il punto sui risultati dei precedenti periodi di programmazione e su come hanno contribuito all'attuazione degli obiettivi della politica ambientale europea, in linea con le nuove aspirazioni "verdi" della nuova legislatura dell'UE.

Al seminario hanno partecipato oltre 60 persone, provenienti da autorità regionali, istituzioni dell'UE, rappresentanti di ONG e università.

Sono intervenuti Sabine Bourdy, capo unità della DG ENV E1, moderatrice del workshop, che ha sottolineato il ruolo delle politiche ambientali basate sulle priorità della nuova Commissione, in particolare per quanto riguarda il "New Deal verde" lanciato dalla nuova presidente eletta Von der Leyen, Yvette Izabel, funzionaria della DG ENV, che ha illustrato il modo in cui le politiche di coesione hanno sostenuto l'attuazione delle misure ambientali durante i precedenti periodi di programmazione e potranno affrontare le sfide del prossimo periodo di programmazione 2021-2027, Inesis Kiškis (Lituania) direttore, European Union Department of Investment and Economic Instruments, Lituania, Elena Aguirre Lora, Project manager, www.sadeco.es, e Jesús Diz Pérez (Spagna) Capofila INTHERWASTE, che hanno illustrato le loro esperienze sulla gestione dei fondi UE rispettivamente nel campo della gestione integrata delle acque e nei progetti pilota sulla gestione dei rifiuti.

Per la Regione Sardegna sono intervenuti Marco Onnis e Sandro Sanna del Centro Regionale di Programmazione, che hanno illustrato come l'esperienza regionale di Valutazione Ambientale Strategica condotta fin dalle prime fasi di preparazione dei programmi operativi regionali sta consentendo di perseguire la sostenibilità ambientale delle operazioni selezionate, ad esempio mediante strumenti come gli acquisti pubblici verdi e criteri di selezione ambientale. Hanno inoltre presentato il modello di valutazione della sostenibilità ambientale del POR FESR e discusso la sua applicabilità alla misurazione del contributo agli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell'Agenda ONU 2030.

La DG Regio ha inoltre fornito alcune informazioni utili sull'ammissibilità dei fondi dell'UE a progetti ambientali e sulle schede Paese da rilasciare.

Secondo la percezione del pubblico, la principale sfida per costruire un'Europa più verde a livello locale è la consapevolezza dei cittadini e informazioni adeguate a livello locale. In questo senso, lo scambio di esperienze può aiutare ad affrontare meglio le questioni ambientali a livello locale e ad utilizzare meglio i fondi di coesione per integrare le considerazioni ambientali anche in altri settori.

La Partecipazione della Regione Sardegna è stata promossa dall'interessamento della Commissione Europea e sostenuta dall’Autorità di Gestione del FESR anche nell’ambito della Strategia di Comunicazione del POR FESR Sardegna 2014-2020.

Consulta la pagina dell’evento (in lingua inglese)

Ultimo aggiornamento: 21.10.2019
© 2019 Regione Autonoma della Sardegna