Vai al contenuto della pagina
PROGRAMMAZIONE REGIONALE DELLA SARDEGNA

I criteri di ammissibilità delle spese dei Fondi SIE

E’ entrata in vigore la nuova normativa sull’ammissibilità delle spese per i programmi cofinanziati dai Fondi strutturali di investimento europei (SIE) per il periodo di programmazione 2014-2020.

Il provvedimento fissa le regole per l’ammissibilità a finanziamento delle spese di pubbliche amministrazioni, imprese e di tutti i soggetti potenzialmente beneficiari del POR FESR e dei fondi SIE.

Il documento illustra le forme di sostegno dei Fondi SIE e i principi generali di ammissibilità delle spese per le quali è possibile richiedere il contributo nazionale ed europeo, ribadisce il divieto di doppio finanziamento, introduce meccanismi sanzionatori utili a innalzare il livello qualitativo e quantitativo degli interventi finanziati in caso di utilizzo di costi standard.

Per essere ritenute ammissibili le spese devono essere pertinenti e imputabili, sostenute effettivamente dal beneficiario e comprovate, sostenute nel periodo di ammissibilità delle spese, tracciabili e contabilizzate.

Tra le principali novità si evidenzia che:

- in casi debitamente giustificati, è possibile documentare la spesa, oltre che i giustificativi tradizionali, anche mediante idonea documentazione che ne attesti la pertinenza;
- sono confermate le opzioni semplificate di costo che permettono di rendicontare alcuni tipi di costi su base forfettaria;
- viene stabilita la non ammissibilità delle spese sostenute per operazioni già portate materialmente a termine o completamente realizzate prima della presentazione della domanda di finanziamento;
- sono previsti premi concessi nella forma di contributi finanziari come ricompensa in seguito ad un concorso;
- a determinate condizioni, può essere considerata ammissibile la spesa sostenuta per liquidare gli importi dovuti da un beneficiario o da un aggiudicatario di un contratto pubblico per inottemperanze contributive (ad esempio, Inps e Inail);
- è possibile superare il massimale del 10% come quota di spesa ammissibile per l’acquisto di terreni nell’ambito di operazioni di tutela ambientale;
- è ammissibile la spesa per l’acquisto di edifici, anche in presenza di opere abusive, se sono marginali rispetto alle opere realizzate e se il sostegno pubblico è subordinato alla loro regolarizzazione da parte del beneficiario.

Le nuove norme sono state stabilite dal DPR del 5 febbraio 2018 n. 22 “Regolamento recante i criteri sull’ammissibilità delle spese per i programmi cofinanziati dai Fondi strutturali di investimento europei (SIE) per il periodo di programmazione 2014-2020” e pubblicate sulla Gazzetta ufficiale n.71 del 26 marzo 2018.

Consulta il DPR 5 febbraio 2018 n. 22

Ultimo aggiornamento: 17.05.2018
© 2018 Regione Autonoma della Sardegna