Vai al contenuto della pagina
PROGRAMMAZIONE REGIONALE DELLA SARDEGNA

Tepilora: patrimonio accessibile a tutti

Il progetto di sviluppo territoriale Tepilorta: patrimonio accessibile a tutti - infografica

L'Unione di Comuni del Montalbo punta sull'attrattore principale Parco Naturale Regionale dell'Oasi di Tepilora, (area SIC) per ridurre il divario di sviluppo turistico tra i Comuni dell’interno e quelli costieri.
Il territorio dell'Unione vanta la presenza di alcune località turistiche di indiscussa fama nazionale e internazionale, ma si tratta allo stesso tempo di località caratterizzate da un’affluenza perlopiù stagionale.

Il miglioramento della qualità della vita dei residenti e il freno al processo di spopolamento dell'entroterra sono priorità nel progetto di sviluppo, con l’intento di risollevare il comparto produttivo differenziando l’offerta turistica. La presenza di risorse di tipo sia naturalistico che culturale e identitario, il loro potenziamento e la messa in rete permette al territorio di rivolgersi ad un turismo di tipo esperienziale e sportivo e contemporaneamente riservare attenzione al tema dell'accessibilità, aprendo le porte al turismo sociale, attraverso l’adeguamento di strutture e servizi ai soggetti con limitate possibilità di fruizione.

Il progetto si articola in 4 azioni tematiche:

Servizi per il turismo costiero
l'azione è finalizzata ad incrementare la competitività dell'area operando su due differenti direttrici: da un lato il potenziamento in chiave sostenibile della rete e delle modalità di trasporto, attraverso la realizzazione di percorsi ciclo-pedonali a completamento della rete già esistente; dall'altro la riqualificazione e la realizzazione di nuovi attrattori come espressione della memoria storica e dei sapori locali con percorsi eno-gastronomici, finalizzati all'arricchimento dell'attuale proposta marino-balneare.

Accessibilità

l’azione è finalizzata ad incrementare la competitività turistica del territorio operando sul miglioramento del grado di accessibilità agli attrattori storico-culturali e favorendo la fruibilità di strutture e servizi da parte di una più ampia gamma di clientela con i percorsi storico-archeologici del Parco. L'Unione di Comuni del Montalbo intende caratterizzare inoltre la propria azione progettuale attraverso il turismo sociale, con una particolare attenzione ai soggetti diversamente abili.

I percorsi naturalistici del Parco

partendo dalla centralità riconosciuta al Parco Naturale Regionale di Tepilora, l'azione è finalizzata ad incrementare la competitività dell’area agendo sulla valorizzazione di un grande attrattore ambientale quale principale motivazione di viaggio per nuovi target di domanda, motivati principalmente dal desiderio di osservare e apprezzare la natura (wild watching) e la cultura tradizionale da un lato, e di fruire in modo attivo e in chiave sportiva delle risorse esistenti (reti sentieri escursionistici con trekking e nordic walking).

Governance territoriale

si intende mettere a sistema tutte le azioni pubbliche e private attraverso una regia unica che garantisca uniformità di azione, rispetto dei tempi e degli obiettivi. L’attuazione di un progetto complesso per l’Area di Rilevanza Strategica di Tepilora deve necessariamente prevedere un modello di governance territoriale organizzativo ed economico capace di generare reddito per gli operatori interessati e di coinvolgere gli Enti Pubblici Locali, i privati, le Associazioni e i portatori di interesse in generale, nonché gli altri organismi chiamati a programmare lo sviluppo territoriale e locale, quali l’Ente Parco, il GAL, il FLAG e l’Agenzia regionale Fo.Re.S.T.A.S (i progetti Ecosistema locale e Tepilora Card).

Con deliberazione n. 43/3 del 12 settembre 2017 è stato approvato l'Accordo di programma, sottoscritto in data 13 settembre 2017 e approvato con Decreto del Presidente n.83 del 20 settembre 2017, pubblicato sul B.U.R.A.S n. 53 del 16 novembre 2017.

L'Accordo di Programma Tepilora: patrimonio accessibile a tutti
Deliberazione 43/3 del 2017 - Accordo di Programma Tepilora: patrimonio accessibile a tutti
© 2021 Regione Autonoma della Sardegna