Vai al contenuto della pagina
PROGRAMMAZIONE REGIONALE DELLA SARDEGNA

Entrate

La finanza della Regione Sardegna si basa, soprattutto, sulla compartecipazione al gettito dei tributi erariali.
Le Entrate Regionali provengono da fonti diverse e sono, secondo quanto previsto dalla normativa in materia, suddivise nei seguenti titoli:

Titolo I - Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa

Titolo II - Trasferimenti correnti

Titolo III - Entrate extratributarie

Titolo IV - Entrate in conto capitale

Titolo V - Entrate da riduzione di attività finanziarie

Titolo VI - Accensione prestiti

Titolo VII - Anticipazioni da istituto tesoriere/cassiere

Tirolo IX - Entrate per conto terzi e partite di giro


L’art.7 della Legge n.42/09, in materia di federalismo fiscale, con riferimento alle entrate tributarie stabilisce che:

  1. Le regioni dispongono di tributi e di compartecipazioni al gettito dei tributi erariali, in via prioritaria a quello dell'imposta sul valore aggiunto (IVA), in grado di finanziare le spese derivanti dall'esercizio delle funzioni nelle materie che la Costituzione attribuisce alla loro competenza esclusiva e concorrente nonché le spese relative a materie di competenza esclusiva statale, in relazione alle quali le regioni esercitano competenze amministrative;

  2. Per tributi delle regioni si intendono:

    1. I tributi propri derivati, istituiti e regolati da leggi statali, il cui gettito è attribuito alle regioni;

    2. Le addizionali sulle basi imponibili dei tributi erariali;

    3. I tributi propri istituiti dalle regioni con proprie leggi in relazione ai presupposti non già assoggettati ad imposizione erariale;


Le entrate della Regione Sardegna sono disciplinate dall’art. 8 dello Statuto che prevede:

"Le entrate della regione sono costituite:

a) dai sette decimi del gettito delle imposte sul reddito delle persone fisiche e sul reddito delle persone giuridiche riscosse nel territorio della regione;

b) dai nove decimi del gettito delle imposte sul bollo, di registro, ipotecarie, sul consumo dell'energia elettrica e delle tasse sulle concessioni governative percette nel territorio della regione;

c) dai cinque decimi delle imposte sulle successioni e donazioni riscosse nel territorio della regione;

d) dai nove decimi dell'imposta di fabbricazione su tutti i prodotti che ne siano gravati, percetta nel territorio della regione;

e) dai nove decimi della quota fiscale dell'imposta erariale di consumo relativa ai prodotti dei monopoli dei tabacchi consumati nella regione;

f) dai nove decimi del gettito dell'imposta sul valore aggiunto generata sul territorio regionale da determinare sulla base dei consumi regionali delle famiglie rilevati annualmente dall'ISTAT;

g) dai canoni per le concessioni idroelettriche;

h) da imposte e tasse sul turismo e da altri tributi propri che la regione ha facoltà di istituire con legge in armonia con i princìpi del sistema tributario dello Stato;

i) dai redditi derivanti dal proprio patrimonio e dal proprio demanio;

l) da contributi straordinari dello Stato per particolari piani di opere pubbliche e di trasformazione fondiaria; m) dai sette decimi di tutte le entrate erariali, dirette o indirette, comunque denominate, ad eccezione di quelle di spettanza di altri enti pubblici.

Nelle entrate spettanti alla regione sono comprese anche quelle che, sebbene relative a fattispecie tributarie maturate nell'ambito regionale, affluiscono, in attuazione di disposizioni legislative o per esigenze amministrative, ad uffici finanziari situati fuori del territorio della regione."



Il Servizio Strumenti Finanziari e Governance delle Entrate della Direzione Generale dei Servizi Finanziari cura le attività di previsione, aggiornamento, accertamento e monitoraggio delle Entrate.

Per maggiori informazioni, visita il portale SardegnaEntrate
© 2022 Regione Autonoma della Sardegna