Vai al contenuto della pagina
PROGRAMMAZIONE REGIONALE DELLA SARDEGNA

Cooperazione decentrata

Per cooperazione decentrata si intende l’azione di cooperazione allo sviluppo svolta dalle Autonomie locali (Regioni, Province autonome ed Enti locali) in rapporto di partenariato con omologhe istituzioni dei Paesi in via di sviluppo, con la partecipazione attiva dei diversi soggetti delle società civili sia del Nord che del Sud del mondo.
Per cooperazione decentrata si intende l’azione di cooperazione allo sviluppo svolta dalle Autonomie locali (Regioni, Province autonome ed Enti locali) in rapporto di partenariato con omologhe istituzioni dei Paesi in via di sviluppo, con la partecipazione attiva dei diversi soggetti delle società civili sia del Nord che del Sud del mondo.

La cooperazione decentrata si presenta come un nuovo approccio alla cooperazione internazionale allo sviluppo, che ha come riferimento un ambito territoriale circoscritto e parte da un sistema di collegamento diretto tra attori che costituiscono l’espressione più ampia possibile del tessuto sociale, politico, economico e culturale locale. All'interno di questo tipo di cooperazione si creano quindi delle reti, alle quali partecipano rappresentanti dei tre settori: imprenditoriale, no profit e pubblico

La cooperazione decentrata mira a :
- stimolare la formulazione e la gestione dei processi di sviluppo da parte degli attori decentrati coinvolti, in modo che i programmi di cooperazione si concentrino sulle priorità locali e si realizzino attraverso dinamiche partecipative;
- creare uno "sviluppo territoriale integrato" coinvolgendo attivamente tutti i soggetti rappresentativi di un territorio e valorizzandone le diverse capacità ed esperienze;
- superare la logica “donatore-ricevente” attraverso un rapporto circolare che veda i partner in un rapporto di paritarietà e reciprocità.

Caratteri distintivi della cooperazione decentrata sono quindi:
- La territorialità
- Le dinamiche partecipative
- La pluralità e la diversa natura degli attori coinvolti uniti in un partenariato
- Il lungo periodo delle relazioni di partenariato

La Regione Sardegna si è dotata di una propria normativa in materia di cooperazione decentrata con la Legge 11 aprile 1996, n. 19 “Norme in materia di cooperazione con i Paesi in via di sviluppo e di collaborazione internazionale”. Attraverso questa legge sono stati cofinanziati ad oggi circa 700 progetti, realizzati in diverse regioni del Sud del mondo.

Referenti regionali
Presidenza
Servizio Affari Comunitari e Internazionali
dott. Marco Sechi
viale Trento, 69 - 09123 Cagliari
tel.070 606-2313 fax 070 606-2458
Settore Cooperazione internazionale
dott.ssa Concetta Amato
viale Trento, 69 - 09123 Cagliari
tel. 070 606-2636 -4506 -2357

Normativa di riferimento
- Legge regionale 11 aprile 1996, n. 19
- Regolamento di esecuzione dell’art. 11 della L. r. 19/96 [file.pdf]
- Delibera n. 57/1 del 2 dicembre 2005 - APQ "Paesi del Mediterraneo"

Inviti annuali
- Invito 2010
- Invito 2009

Documenti
- Ricerca valutativa sulla cooperazione decentrata in Sardegna [file.zip]
- Elenco progetti finanziati dal 1996 al 2006 [file.pdf]
- Analisi dei progetti cofinanziati dal 1996 al 2006, luglio 2008 [file.pdf]

Seminario sulla cooperazione decentrata della Regione Sardegna (Cagliari, 22 dicembre 2010)
- Atti del seminario [file.zip]
© 2017 Regione Autonoma della Sardegna