Vai al contenuto della pagina
PROGRAMMAZIONE REGIONALE DELLA SARDEGNA

PRA FSC

Il Fondo per lo Sviluppo e la Coesione (FSC), ha sostituito con delibera Cipe 1/2011, il vecchio Fondo per le Aree Sottoutilizzate (FAS)
Logo FSC

Il percorso di programmazione delle risorse del FSC, è stato avviato con la predisposizione del PAR FAS Sardegna 2007-2013.
Il PAR FSC originariamente elaborato sulla base delle indicazioni contenute nella Delibera CIPE n. 166/2007 “Attuazione del Quadro Strategico Nazionale (QSN) 2007-2013 programmazione del Fondo per le Aree Sottoutilizzate” e della delibera CIPE n. 1 del 6 marzo 2009 “Aggiornamento dotazione del Fondo Aree Sottoutilizzate, assegnazione risorse ai programmi strategici regionali, interregionali e agli obiettivi di servizio e modifica della delibera 166/2007”, ed in coerenza con il DUP Documento Unitario di programmazione della Regione Sardegna e con il Quadro Strategico Nazionale, è stato approvato con DGR n. 7147 del 16.12.2008 e trasmesso al MISE il 14 gennaio 2009 e successivamente rimodulato (PAR FSC rimodulato) con DGR n. 38/12 del 6 agosto 2009 e trasmesso al Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica il 2 novembre 2011 ai fini della successiva presa d’atto da parte del CIPE.

Successivamente, i criteri e le modalità di programmazione delle risorse del Fondo di Sviluppo e Coesione sono stati profondamente modificati. Sono intervenute la Delibera CIPE n. 1 del 11 gennaio 2011 riguardante “Obiettivi, criteri e modalità di programmazione delle risorse per le aree sottoutilizzate e selezione ed attuazione degli investimenti per i periodi 2000-2006 e 2007-2013”, e la Delibera CIPE n. 41 del 23 marzo 2012 “Fondo per lo Sviluppo e la Coesione. Modalità di riprogrammazione delle risorse regionali 2000-2006 e 2007-2013”. Le due delibere hanno definito l’attuale dotazione finanziaria dei PAR regionali e introdotto nuovi obiettivi, criteri e modalità di programmazione delle risorse e di selezione ed attuazione degli investimenti per il periodo 2007-2013.

La delibera CIPE n. 1/11, in particolare, ha previsto l’avvio di un processo di concertazione istituzionale e tecnica, tra l’Amministrazione regionale e il Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica che ha condotto alla selezione di un insieme di interventi di rilievo strategico nazionale e regionale, approvati dal CIPE con delibere “settoriali”, attraverso le quali, di fatto, è stata operata una revisione e aggiornamento del PAR della Regione Sardegna ai sensi di quanto disposto al punto 4 della Delibera CIPE n. 1 del 2011.
Il 30 giugno 2014 il CIPE è intervenuto con la Delibera n. 21 introducendo nuovi criteri per la riprogrammazione delle risorse e fissando al 31 dicembre 2015 il termine ultimo per il raggiungimento delle obbligazioni giuridicamente vincolanti (OGV).

Il quadro delle Delibere di finanziamento del FSC 2007-2013 è rappresentato di seguito:
- CIPE 62/2011 Individuazione interventi settore Infrastrutture strategiche
- CIPE 78/2011 Individuazione interventi settore Università
- CIPE 08/2012 Individuazione interventi settore Frane e Versanti
- CIPE 60/2012 Individuazione interventi settore Fognario Depurativo
- CIPE 87 2012 Individuazione interventi settore Bonifiche
- CIPE 93/2012 Programmazione delle residue risorse 2000-2006 e 2007-2013 e modifica delibera n. 62/2011
- CIPE 50/2014 Attuazione della Delibera CIPE 21 2014
- CIPE 27/2015 Riprogrammazione delle risorse ai sensi della delibera CIPE n. 21/2014
- CIPE 31/2015 Piano per il Sulcis di cui alla delibera Cipe n. 93/2012. Assegnazione definitiva di risorse del Fondo per lo sviluppo e la coesione (FSC) 2007-2013
- CIPE 95/2015. Riprogrammazione risorse ai sensi del punto 2_4 della Del CIPE 21_2014
- CIPE 96/2015. Rimodulazione del Piano Sulcis

Le risorse FSC programmate complessivamente ammontano a circa 2 miliardi di euro, e sono suddivise nelle seguenti strategie:
1) Autogoverno e riforma della regione;
2) Identità e cultura;
3) Ambiente e territorio;
4) Conoscenza;
5) Sistemi produttivi e politiche del lavoro (piano per il Sulcis);
6) Infrastrutture e reti di servizio;
7) Solidarietà e coesione sociale.

La tabella allegata mostra l’articolazione della programmazione attuativa FSC, per obiettivi operativi, linee d’azione e azioni.

La programmazione attuativa FSC prevede un modello di attuazione caratterizzato dall’individuazione:
- di un responsabile dell’attuazione della programmazione FSC che per la Regione Sardegna è rappresentato dal titolare pro tempore della Direzione Generale della Presidenza;
- di un organismo di certificazione abilitato a richiedere i pagamenti del FSC che per la Regione Sardegna è rappresentato dal titolare pro tempore del Servizio Autorità di Certificazione della Direzione Generale Servizi Finanziari;
- di un sistema di gestione e controllo relativo all’intera programmazione FSC.


QUADRO NORMATIVO NAZIONALE
- CIPE 166/2007 Attuazione QSN 2007 - 2013
- CIPE 01/2009 Modifica Delibera CIPE 166/2007
- D. Lgs. n. 88.2011 Istituzione Fondo Sviluppo e Coesione (FSC) - Previsione Contratto Istituzionale di Sviluppo
- CIPE 01/2011 Criteri di programmazione del FSC (ex FAS) – Aggiornamento dotazione PAR
- CIPE 40/2012 Individuazione risorse FAS regionali periodo 2000 – 2006 da riprogrammare
- CIPE 41/2012 Modalità di riprogrammazione delle risorse FSC 2000 – 2006 e 2007 - 2013
- CIPE 78/2012 Riprogrammazione delle risorse regionali residue 2007-2013 (Mezzogiorno)
- CIPE 21/2014 Fondo per lo sviluppo e la coesione 2007 – 2013. Esiti della ricognizione di cui alla Delibera CIPE n. 94/2013 e riprogrammazione delle risorse


QUADRO NORMATIVO REGIONALE
- DGR n. 48/13 del 1.12.2011 Individuazione Interventi di rilevanza strategica Nazionale e Regionale per l’attuazione del Piano Nazionale per il Sud.
- DGR n. 33/2 del 31.7.2012 Programmazione delle risorse residue del Fondo di Sviluppo e Coesione (FSC) 2007-2013
- DGR n. 33/45 del 31.7.2012 Elaborazione ed attuazione di un "Piano straordinario per il Sulcis" (Piano Sulcis) quale strumento atto a fronteggiare l'attuale crisi ed a favorire il rilancio e lo sviluppo dell'intero territorio del Sulcis - iglesiente. Atto di indirizzo.
- DGR n. 16/1 del 6.5.2014 Conferma rilevanza strategica interventi programmati dalle delibere Cipe n. 62/2011, n. 78/2011, n. 87/2012, n. 60/2012 e n. 8/2012. + Allegato alla DGR 16.1
- DGR 32/26 del 07.08.2014 Programmazione FSC 2007-2013. Approvazione articolazione e specifica tecnica degli Interventi di rilevanza strategica regionale nel settore sanità. Delibere CIPE n.78/2011 e n. 93/2012. Approvazione preliminare + Allegato DGR 32/26 del 07.08.2014
- DGR n. 35/11 del 12.9.2014 Programmazione FSC 2007/2013. Interventi di rilevanza strategica regionale nel settore della Viabilità. Delibere CIPE n. 62/2011 e n. 93/2012. Accordo di Programma Quadro Viabilità rafforzato.
- DGR n. 51/1 del 20.12. 2014 Programmazione FSC 2007/2013. Riprogrammazione delle risorse residue riassegnate a valere sulla Deliberazione CIPE n. 21 del 30 giugno 2014.
- DGR n. 5/10 del 6.2.2015 Piano straordinario per il Sulcis. Rimodulazione interventi infrastrutturali sulla viabilità di competenza dell’Assessorato dei Lavori Pubblici.
- DGR n.38/7 del 28/07/2015 Programmazione FSC 2007/2013. Riprogrammazione delle risorse riassegnate ai sensi della Delibera CIPE n. 21 del 30 giugno 2014, punto 2.4.
- DGR n. 47/13 del 29.9.2015 Piano straordinario per il Sulcis. Rimodulazione interventi infrastrutturali sulla viabilità di competenza dell’Assessorato dei Lavori Pubblici.
© 2017 Regione Autonoma della Sardegna